Il Consiglio Comunale

Composizione del Consiglio Comunale

Gruppo di maggioranza "Un' Amministrazione Per Tutti"

GREGO Guido Sindaco
BORSATO Tiziano Vice Sindaco
TORRESIN Ornella  
GERARDIN Giancarlo  
TARTAGLIA Francesca  
GRESELIN Nicoletta  
BIZZOTTO Angelo Delfino  
GNOATO Massimiliano  
BERTOLDO Denis  
   
   
 

Gruppo di minoranza "Movimento 5 Stelle"

ZILIOTTO Nicholas  
ZANETTI Loris  
 

Gruppo di minoranza lista civica "Cartigliano Migliore"

GRANDESSO Lorenzo  
CAPUTI Cristiano  
   
 

FUNZIONI E COMPETENZE DEL CONSIGLIO COMUNALE:

Il Consiglio comunale, rappresentando l'intera comunità comunale, determina l'indirizzo politico-amministrativo e ne controlla l'attuazione.
Il Consiglio, costituito nelle forme di legge adempie alle funzioni specificatamente demandategli dalle leggi statali e regionali dal presente Statuto, che attengono alle istituzioni democratiche, all'organizzazione del Comune, all'amministrazione del patrimonio e alla gestione finanziaria, all'impianto dei pubblici servizi e al loro esercizio, alla protezione degli interessi sociali della comunità locale. Il Consiglio Comunale esercita la potestà e le competenze previste dalla legge e svolge le sue attribuzioni conformandosi ai principi, ai criteri, alle modalità ed ai procedimenti stabiliti nello Statuto e nelle norme regolamentari. Impronta l'azione complessiva dell'ente ai principi di pubblicità, trasparenza e legalità ai fini di assicurare il buon andamento e l'imparzialità. Nell'adozione degli atti fondamentali privilegia il metodo e gli strumenti della programmazione, perseguendo il raccordo con la programmazione provinciale, regionale e statale.
Gli atti fondamentali devono contenere la individuazione degli obiettivi e delle finalità da raggiungere e la destinazione delle risorse e degli strumenti necessari all'azione da svolgere.
Ispira la propria azione al principio di solidarietà, contribuendo alla soluzione delle legittime esigenze della comunità.
Esercita l'autonomia finanziaria e la potestà regolamentare nell'ambito delle leggi e del coordinamento della finanza pubblica.
Definisce gli indirizzi per la nomina e designazione dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende, istituzioni. Tali indirizzi dovranno essere definiti entro il termine utile che consenta al Sindaco di provvedere alle suddette nomine e designazioni.
Nomina, designa e revoca i propri rappresentanti, anche estranei al Consiglio comunale, presso enti, aziende ed istituzioni ad esso espressamente demandati dalla legge. Le nomine e le designazioni devono essere effettuate entro 45 giorni dall'insediamento del nuovo Consiglio comunale o entro i termini di scadenza del precedente incarico.
Nomina, designa e revoca i propri rappresentanti nelle commissioni e negli organismi previsti dalla legge.
Il Consiglio comunale non può delegare l'esercizio delle proprie attribuzioni.

 

CONSIGLIERI COMUNALI
La posizione giuridica e lo status dei Consiglieri comunali sono regolati dalla legge.
Ciascun Consigliere comunale rappresenta l’intera comunità, senza vincolo di mandato.
I consiglieri comunali entrano in carica all’atto della proclamazione ovvero, in caso di surrogazione, non appena adottata dal Consiglio comunale la relativa deliberazione.

Doveri dei Consiglieri comunali
Ciascun consigliere comunale ha il dovere di esercitare il proprio mandato per promuovere lo sviluppo ed il benessere dell’intera comunità locale e di partecipare alle sedute del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari cui fanno parte.
I Consiglieri comunali, che, senza giustificato motivo, non intervengono consecutivamente per un intero anno alle riunioni fissate del consiglio comunale sono dichiarati decaduti.
La decadenza è dichiarata dal Consiglio Comunale, d’ufficio o su istanza del gruppo di appartenenza o di qualunque elettore del Comune, in data successiva al decorso del termine di dieci giorni dalla notifica dell’interessato alla proposta di decadenza.
I Consiglieri comunali sono tenuti al segreto d’ufficio nei casi specificatamente determinati dalla legge.
I Consiglieri comunali sono tenuti ad eleggere un domicilio nel territorio comunale.

Diritti dei Consiglieri comunali
Il consigliere esercita il diritto di iniziativa in merito alle deliberazioni consiliari con obbligo, qualora le stesse comportino spese, di indicare i mezzi per farvi fronte e può formulare interrogazioni, interpellanze, mozioni, nonché ogni altra istanza sull’operato del Sindaco, della giunta o di altri consiglieri. Ha diritto di ottenere, dagli uffici del Comune e da quelli delle aziende ed enti da esso dipendenti, tutte le notizie ed informazioni in loro possesso utili all’espletamento del mandato. Le forme ed i modi per l’esercizio di tali diritti sono disciplinati dal regolamento. Le interrogazioni e le interpellanze sono presentate dai Consiglieri per iscritto presso la segreteria del Comune.
La risposta del Sindaco, o dell’Assessore delegato, deve essere notificata all’interessato entro trenta giorni dalla presentazione.
Il Sindaco comunica al Consiglio Comunale le interrogazioni e le interpellanze presentate e le risposte date.
Le interrogazioni e le interpellanze in materia di competenza del Consiglio Comunale sono iscritte all’ordine del giorno della prima seduta del Consiglio Comunale utile successiva alla loro presentazione.
Il regolamento disciplinerà forme e modi per l’esercizio dei diritti e dei poteri dei consiglieri.