CONTRIBUTO ECONOMICO REGIONALE FAMIGLIE MONOPARENTALI E CON SEPARATI O DIVORZIATI

Scadenza ore 12.00 del 31 ottobre 2017

AVVISO PUBBLICO

CONTRIBUTO ECONOMICO REGIONALE PER IL SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE MONOPARENTALI E DEI GENITORI SEPARATI O DIVORZIATI IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ - ANNO 2017 (spesa ammessa per canoni di locazione)

A chi è rivolto il contributo:
Famiglie monoparentali, ossia dai nuclei (ex art.1, comma 1 della L.R. n. 29/2012) composti da un solo genitore e uno o più figli minori di età (0-17 anni, ossia fino al compimento del 18° anno di età al momento della domanda) risultanti dallo stato di famiglia e dal certificato di residenza

Requisiti per l'ammissibilità:
· essere cittadino italiano o cittadino di uno Stato appartenente all'Unione Europea o rifugiato politico, oppure qualora cittadino non appartenente all'Unione Europea, essere in possesso di un titolo di soggiorno valido ed efficace;
· essere residente nella Regione Veneto;
· ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) in corso di validità, non superiore a Euro 20.000,00

Tipologia della spesa ammessa:
Canoni di locazione per abitazioni non di lusso (abitazioni rientranti nelle categorie catastali A2, A3, A4 e A5 con esclusione di fabbricati rurali) sostenuti e/o da sostenere nel periodo 1 gennaio - 31 dicembre 2017 .

Entità del contributo:
Per ciascun nucleo utilmente collocato nella graduatoria regionale verrà corrisposto un contributo, di natura forfettaria, per un importo massimo di Euro 1.000,00.

Modalità e termine di presentazione della domanda:
Entro il termine perentorio, pena l'esclusione della domanda, delle ore 12.00 del 31 ottobre 2017 deve compilare e consegnare al Comune di Cartigliano(VI) - Ufficio Segreteria Servizi Sociali la “Domanda del Contributo ex Art. 5 della L.R. N. 29/2012” completa dei documenti richiesti (in caso di invio a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, al fine del rispetto del termine, fa fede la data del timbro dell'ufficio postale accettante).

Documenti da allegare alla domanda:
- copia di un documento di identità non scaduto di chi firma la domanda;
- ISEE in corso di validità;
- i provvedimenti emessi nel corso dei procedimenti di separazione, annullamento, scioglimento, cessazione degli effetti civili del matrimonio o unione civile, relativi a statuizioni di ordine personale/o patrimoniale tra i coniugi e nei confronti della prole e loro eventuali modificazioni;
- certificazione di non autosufficienza di un figlio minore ai sensi della L.104/92;
- certificato attestante la presenza di un riconosciuto disagio psicofisico, rilasciato dal SSR, di un componente il nucleo familiare;
- documentazione comprovante la tipologia del contratto di lavoro del soggetto richiedente il beneficio;
- documentazione comprovante la situazione di disoccupazione o sospensione dell'occupazione;
- contratto di locazione;
- documentazione attestante la situazione di grave difficoltà economica del lavoratore autonomo;
- autocertificazione specifica al trattamento dei dati sensibili relativi allo stato di salute;
- autocertificazione dello stato di residenza e dello stato di famiglia;
- in caso di richiedente avente cittadinanza non comunitaria: titolo di soggiorno valido ed efficace del richiedente.

Criteri per la stesura della graduatoria regionale:
Per la definizione della graduatoria dei nuclei monoparentali destinatari del contributo può essere attribuito per ciascun nucleo un punteggio massimo di 100 punti suddiviso nelle seguenti categorie:
1. condizione socio-sanitaria fino a 40 punti
2. condizione economica fino a 30 punti
3. condizione lavorativa fino a 20 punti
4. residenza nel territorio della Regione del Veneto da almeno 2 anni ad eccezione delle ipotesi di cui all'art. 2, comma 2, lett. b) della L.R. n. 29/2012, per le quali è sufficiente la sola residenza nel territorio della Regione, pari a 10 punti.
In caso di parità di punteggio finale il contributo viene concesso in base al seguente ordine di priorità:
a) il contributo è concesso prioritariamente al nucleo con valore I.S.E.E. minore;
b) in caso di parità di I.S.E.E., il contributo è concesso prioritariamente al nucleo con maggior numero di figli minori;
c) in caso di parità di numero di figli minori il contributo è concesso prioritariamente al nucleo che presenta la domanda prima degli altri nuclei, secondo la data di arrivo della domanda riportata nel protocollo comunale.

Per quanto non previsto e/o non specificato nel presente Avviso si rimanda a quanto previsto dall' Allegato A della D.G.R. 1317 del 16 agosto 2017

Informazioni:
Per ulteriori informazioni rivolgersi all'Ufficio Servizi Sociali - tel. 0424 590234